Carta di credito e di debito, ecco quali sono le differenze

Carta di credito e di debito ecco quali sono le differenze

Oggigiorno ognuno di noi possiede una carta elettronica con cui poter effettuare pagamenti elettronici, dato che a tutti prima o poi capita di dover fare acquisti online, senza contare che da qualche mese sessiste l’obbligo di accredito degli stipendi su un conto postale o bancario.

Se però per diverse tipologie di pagamenti basta la carta di debito, per altri serve la carta di credito a garanzia: ma qual è la principale differenza tra le due?

La carta di credito è uno strumento di pagamento collegato a un conto corrente: permette infatti di fare acquisti anche quando non si dispone del denaro contante perché la spesa viene addebitata sul conto successivamente.

Le carte di credito comuni (dette “a saldo”) consentono di posticipare l’addebito alla metà del mese successivo a quello in cui viene effettuato l’acquisto, mentre le carte di credito revolving permettono di dilazionare l’addebito in più rate. Tipicamente poi la carta di credito è dotata di massimali elevati, funziona su circuiti di pagamento diversi e viene richiesta come cauzione per la fruizione di determinati servizi.

La carta di debito, conosciuta più comunemente come Bancomat, consente invece al titolare di utilizzare due principalmente due servizi: il prelievo di denaro presso ATM e il pagamento presso gli esercizi commerciali. Con questa carta la spesa effettuata viene prelevata al momento dell’acquisto dal proprio conto corrente bancario.

Questa non va confusa neppure con la carta prepagata, definita dalla formula pay before: comporta in buona sostanza un pagamento anticipato da parte del titolare della carta, che versa in partenza un ammontare di denaro per averne poi la disponibilità attraverso la carta stessa.

Non possiede un plafond, ma solamente un limite massimo di capienza e non accede direttamente al conto corrente. N

Carta di credito e di debito, ecco quali sono le differenze ultima modifica: 2019-05-29T08:06:57+00:00 da Redazione Finanziamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *